GLUCK Christoph Willibald
The Seven Trio Sonatas
Aura Musicale
Balàsz Màté
HUNGAROTON
HCD 32158
1 CD
74'00

**

L’opera strumentale di Joseph Willibald Gluck (1714-1787) è senz’altro minoritaria all’interno del corpus delle sue opere, costituito per la stragrande maggioranza da lavori per il teatro. Desta pertanto un certo interesse questo nuovo CD Hungaroton che presenta la raccolta completa delle sonate in trio, composte in anni giovanili, quando Gluck si trovava a Milano, allievo di Giovanni Battista Sammartini (1700-1775), maestro riconosciuto del genere strumentale e sinfonico che, pur non spostandosi mai da Milano, ebbe contatti con tutti i maggiori compositori della sua epoca.

La sonata in trio, che tanta diffusione ebbe in epoca barocca, volgeva già al termine quando venne affrontata da Gluck, verso la metà del settecento. L’ascolto di questa raccolta non offre alcuna sorpresa, a conferma del declino di un genere che il compositore tedesco non sembra in grado di rivitalizzare. Le composizioni raccolte in questo compact sono genericamente gradevoli e garbate, ma non offrono particolari stimoli all’ascolto. Il giovane violoncellista Balàsz Màté, qui a capo del gruppo Aura Musicale che si avvale di strumenti originali, lavora con impegno al tentativo di dare forza ed energia a queste composizioni, affrontate senza indulgere a leziosità e affettazione. Il piglio interpretativo è senz’altro moderno, ma l’esito finale appare comunque modesto, proprio per gli intrinseci limiti delle composizioni che non escono dall’ambito di buone esercitazioni di un musicista agli esordi. Resta comunque il valore di documentazione e di riproposta di opere di rarissimo ascolto.

Daniela Goldoni

Associazione culturale Orfeo nella rete
http://www.orfeonellarete.it/
info@orfeonellarete.it
Designed by www.soluzioniweb-bologna.it