COUPERIN Louis
Suites de pièces
Tombeau de Blancrocher
Pavanne in fa diesis min
MARAIS
Prélude Le Soligni
FROBERGER
Tombeau fait à Paris sur la mort de Monsieur Blancheroche
Skip Sempé, clav.
ALPHA
066
1 CD
78' 42

****

Skip Sempé, dopo le precedenti uscite per la casa discografica ALPHA: Versailles l’île enchantée (Alpha 016) e Venezia Stravagantissima (Alpha 049), nelle quali figurava a capo del Capriccio Stravagante Orchestra, in questo nuovo CD della stessa ALPHA si esibisce come solista interpretando musiche per clavicembalo di Louis Couperin (1626-1661).

Louis Couperin è il capostipite di una generazione di grandi musicisti, il cui più famoso esponente fu il nipote François Couperin, detto "Le grand" (1668-1733).

Le sei Suite de pièces e la Pavanne che Sempé esegue non furono pubblicate dall’autore, ma figurano solo in forma manoscritta a cura di diversi copisti che lavorarono per i maggiori compositori dell’epoca. Non essendo nessuno di questi brani autografo, e comparendo il nome dell’autore come: "Monsieur Couperin" non vi è alcun riscontro certo che possano essere stati composti per mano di Louis.

Sono suite di pregevole fattura, eleganti e raffinate nella forma, estremamente articolate nella scrittura, sulla scia dei grandi clavicembalisti coevi, francesi, tedeschi e soprattutto italiani. Spiccano in particolare la Suite de pièces en Fa e la Suite de pièces en Ut nell’esecuzione delle quali Sempé mostra una grande capacità tecnica, e un grande virtuosismo, uniti ad un tocco pulito e leggero nelle sarabande e allemande, altresì poderoso e deciso nei grandi preludi e nelle danze di carattere vivace, courante, gaillarde, gigue.

Sempé è interprete attento e raffinato, capace di creare atmosfere eleganti e a volte rarefatte che affascinano l’ascoltatore senza mai eccedere in eccessivi compiacimenti fini a sé stessi.

Il suono del clavicembalo, un Bruce Kennedy da un modello francese (1985) è gradevolissimo, privo di qualsivoglia accenno di meccanicità, pieno, dolce e caldo. Nell’incisione si è forse leggermente ecceduto nel riverbero, ma la cosa non disturba. Diversamente non si sarebbe potuta apprezzare in tutta la sua bellezza il Tombeu de Monsieur Blancrocher (traccia 18 del CD).

Silvano Santandrea

Associazione culturale Orfeo nella rete
http://www.orfeonellarete.it/
info@orfeonellarete.it
Designed by www.soluzioniweb-bologna.it