CAPRIOLO Claudio, DOLZA Giorgio

Chopin. Signori, il catalogo è questo!

EINAUDI
2001
pp.245

La casa editrice Einaudi prosegue nella proposta di cataloghi ragionati di grandi maestri della musica: dopo Beethoven, Mozart e Brahms ora è la volta di Chopin con il volume "Chopin. Signori, il catalogo è questo!" di Claudio Capriolo e Giorgio Dolza. Se Claudio Capriolo è un professionista della divulgazione musicale, Giorgio Dolza si è invece finora occupato di tutt’altro, e forse sta qui il segreto della riuscita di quest’opera, nell’unione tra rigore documentale e passione per l’autore, mediata da un linguaggio chiaro e pertinente e dal desiderio di comunicare l’essenza delle informazioni senza cadere in una antipatica erudizione. Spesso le opere relative ai musicisti e alla loro opera risultano ostiche per la maggior parte dei lettori, sprovvisti delle conoscenze musicali di base che permettano loro di seguire uno spartito. Non è però questa una buona ragione per tagliarli fuori da ogni discorso critico e storico. Questo libro dimostra che è possibile fornire a tutti le informazioni essenziali relative all’opera di un grande maestro senza rinunciare alla completezza, mantenendo sempre un livello alto di comunicazione. Sappiamo quanto ci sia bisogno nel nostro paese di opere come questa, così consuete nel mondo anglosassone e così rare da reperire nel nostro panorama editoriale relativo alla musica, nel quale pare non ci sia una via di mezzo tra sciatteria ed esoterismo.

Il libro ha un apparato documentale molto ben articolato: una breve biografia, un’introduzione sull’opera pianistica di Chopin nella quale si dà ampia definizione dei generi nei quali si cimentò l’autore, il catalogo vero e proprio, un’appendice che riporta le principali composizioni su musiche di Chopin, la bibliografia, l’indice delle opere di Chopin e l’indice dei nomi e delle opere citate. Di tutte le opere, esposte per numero progressivo, si dà titolo, tonalità, data, incipit, note, particolarità, commento, curiosità, dedica e edizioni. I commenti sono presi da saggi critici e articoli spesso contemporanei all’uscita delle opere, sempre ben scelti. Si intuisce il grande lavoro che sta alle spalle di questo saggio, che gli autori hanno eseguito con scrupolo e che ci restituiscono con garbo e senza pedanteria, avendo già esercitato a monte tutte le scelte necessarie. Il libro è anche una grande occasione per riascoltare in modo ordinato queste opere che sono altrettante tappe nella biografia del musicista, che può essere ricostruita con l’ascolto così come si legge un romanzo.

Daniela Goldoni

Associazione culturale Orfeo nella rete
http://www.orfeonellarete.it/
info@orfeonellarete.it
Designed by www.soluzioniweb-bologna.it